Il fidanzamento

Ammetto che nelle vicende che ho letto anche in un vecchio blog che fu per me fonte di ispirazione, e di cui ai tempi non capivo la rilevanza, il gioco che conduce alla ricerca di un fidanzato/a ha sempre portato con sè esiti più o meno devastanti ed ancora più spesso solo delusione.
Magari se c’è chi potrà smentirmi, avendo avuto successo duraturo in questo tipo di esperienza, mi aspetto lo faccia in questo thread.

Arriva il momento in cui spera che sia lei ad essere coinvolta per osservarne i comportamenti e vivere attraverso di lei quella tempesta di emozioni che ne seguono. Dubbi, paure, curiosità, sfida, resa, sottomissione, tutte sensazioni che sembrano pericolose ma che per questo diventano estremamente affascinanti.

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

 

 

Essere o non essere

Sono in una situazione particolare.
Mia moglie ha conosciuto un uomo che la sta intrigando in chat, per ora, e talvolta si sentono al telefono. A breve si incontreranno.
Ora, il mio dilemma è:
essere o non essere? Presente o assente?
La mia precedente esperienza è stata da assente e mi ha affascinato parecchio.
Tanti anni fa invece ero stato presente ed anche quella era stata un’esperienza appagante.
Ora non so più che fare; l’idea di non esserci mi eccita tantissimo, ma l’idea di essere presente di dà più sicurezza, anche se mi sento tranquillo e non temo di perderla.
Voi cosa vi sentite di dirmi?
Mi piacerebbe discutere con altri per confrontarmi e prendere una decisione in maniera più consapevole.

 

 

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

Io odio i Club Privè … racconto (vero) – Part II

Gli slaccia l’asciugamano, lo fa cadere a terra scoprendo un cazzo color ebano di dimensioni equine. Lo tocca lo soppesa, lo accarezza; si abbassa a cosce aperte e….finalmente godo nel vedere mia moglie con un cazzo di colore in bocca. Il pompino è lento e immensamente bello da vedere, va avanti qualche minuto sotto gli occhi estasiati del pubblico (forse in parte anche un tantino invidioso) finché lui le prende le spalle, la alza e le dice “ you are so beautiful, may i have you?” che tradotto vuol dire : sei tremendamente bella, posso averti? Lei non risponde ma continua a cercarlo con la lingua. Lui la alza, di peso, se la mette addosso stando in piedi e mentre la sorregge con un braccio, con l’altro accompagna quell’immensa cappella sull’entrata della fica di Sharkina. La penetra, così, con lei attaccata addosso. Penso di svenire dall’emozione, tra il vapore e l’mozione non capisco più un cazzo, ho il cervello in pappa. Prendo la doccia dell’acqua fredda e chiedo a mia moglie se vuole che le raffreddi il corpo ma, non mi bada. Il ragazzo la distende sul pianale di granito, lei è oscenamente offerta, allarga le cosce come se volesse divaricarsi anche quel poco di pudore rimasto. Lui mi guarda e mi dice: “ you are a very lucky man” – sei un uomo veramente fortunato. Impugna l’enorme cazzo, lo punta sulla fica di mia moglie e, delicatamente lo fa sparire dentro, Sono incredulo, dove cazzo se lo infila tutto quell’uccello? Comincia a montarla, il ritmo è lentissimo, la penetra a fondo e… [Leggi Tutto]

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

 

 

Io odio i Club Privè … racconto (vero) – Part I

E’ cosa nota che mia moglie non ami i club privè, anzi, credevo li detestasse proprio. In passato un paio di esperienze senza alcuna emozione, insomma esperienza da non ripetere.
Vengo a sapere di recente dell’apertura di questo nuovo “naturist club”, un posto che coniuga il concetto (seppur alla lontana) di centro wellness con la trasgressione dei privè (nulla a che fare con la sauna del primo dell’anno…). Glielo propongo, non mi dice di no.
Io sono in fibrillazione, usciamo da un periodo cupo del nostro rapporto di coppia per il suo ultimo fidanzamento; vorrei schiacciare il piede sull’acceleratore ma ….la conosco, sarebbe come buttare tutto al vento. Lascio passare le settimane, ogni tanto ne parliamo, fantastichiamo su come si possa essere trasgressivi ed erotici dentro una sauna a 90°C; ci scherziamo sopra. Arriva l’anno nuovo, l’occasione e propizia, una sera siamo soli e scatta la proposta: “che dici, andiamo a farci una sudata porcellina?”
Mi spiazza. Accetta subito. Ho il cuore a mille, nella mia testa parte il film della serata, ho voglia di esibirla, lei lo sa e, senza che le chieda nulla si fa bella come non mai: Capelli sciolti, in filo di trucco sugli occhi, abito nero con schiena scoperta e pizzo da metà coscia in giù. Sotto solo reggicalze color carne e calza in seta (quella che fa le pieghe per intenderci) che si intravvedevano dal pizzo. Sandalo tacco 12. E’ una meraviglia. La riempio di complimenti e mentre lo faccio sento il mio cazzo che preme sui pantaloni, sento il sangue pulsarmi nelle tempie, la guardo ancora, non riesco a trattenermi dall’apostrofarla come una troia, lei sorride e ribatte “mi hai voluta tu così”.
Partiamo, un’oretta di strada in cui alterno silenzi per ascoltare il mio cervello che è un fiume in piena a brevi discorsi sul più ed il meno. La mia mano indugia spesso sulle sue cosce, risalgo fino al bordo delle calze ed ancora più su dove il pube incontra l’interno della coscia. Il suo corpo glabro mi manda in estasi, colo come un adolescente, glielo dico. La sua mano mi sfiora la patta, il che contribuisce ancora di più a rendere rigido oltre ogni misura il mio sesso. Vorrei possederla. Ma stasera non è la mia serata.
Arriviamo, il posto è in una location molto bella, [Leggi Tutto]

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

 

Cuckoldismo ed eiaculazione precoce

A mio avviso sono due cose che possono essere strettamente correlate.
Un cuckold (incallito come me) prova un piacere immenso nel raggiungere l’orgasmo poco dopo la penetrazione. E’ una sfera che condivido pienamente con mia moglie che mi fa letteralmente “montare” per pochi secondi prima di sentirsi riempire la fica, spesso apostrofandomi pesantemente.
Il paradosso sta nel fatto che mentre i suoi amici la scopano letteralmente per ore, con me si accontenta di quei pochi intensi secondi.
Lo considero un gesto di complicità molto profondo, il liberarsi del peso dell’obbligo del soddisfacimento della carne.
Chi di voi ha la mia stessa predilezione? Venite velocemente o voi la scopate a lungo?

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread:

Preludio alle corna

Finalmente potrei ricevere, come dire, le prime corna sotto i miei occhi visto che la mia ragazza di 25 anni ha deciso di giocare in chat con un porco di 54 anni. Su Skype facciamo dialoghi a 3 molto spinti e ormai mostrando pure foto sue osè con la scusa di organizzare delle riprese porno. Lui sarà il nostro regista hard.

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

Tra fantasia e realtà

Spesso le due cose sono molto distanti. Immaginiamo molto spesso la nostra donna tra le braccia di altri, impegnata nelle cose più invereconde ed inconfessabili, alle prese con situazioni al limite dello scandalo ma poi…..ci scontriamo con la realtà.
Ecco, a me è successo spesso che le due cose si invertissero, laddove una fantasia era particolarmente attesa, la realtà è stata deludente, invece dove le attese erano modeste, la realtà mi ha regalato momenti straordinari. E’ come se la nostra vena cuck dovesse “volare bassa” in attesa che siano le nostre compagne ad accendere i motori, ancora una volta, per decidere, loro, come e quando farci divertire.
In questi anni Sharkina mi ha regalato profonde emozioni, da lunghi e gioiosi fidanzamenti che pensavo fossero l’eden del cuckoldismo, fino a fugaci avventure vissute con l’adrenalina che giungeva a secchiate e che hanno riscoperto il brivido dell’imprevedibilità. Storie, che mi sta venendo voglia di raccontarvi.
Ecco, voi come immaginate la situazione ideale? L’avete vissuta? E se si, la realtà era seconda solo alla fantasia o addirittura l’ha superata?
E i partner? Sono sempre stati all’altezza (no, non quell’altezza :sedia: ) della situazione accompagnando cerebralmente voi come coppia o la sensazione è che in molti cerchino la trombata facile forti dell’assunto che se sei un cornuto la moglie non può che essere una troia affamata di cazzo sempre e comunque? Mi piacerebbe sentire anche il parere dei singoli, come sono state ripagate le vostre attese? Che rapporto avete tra fantasia e realtà?

 

Leggi tutto il post di Shark nel forum e commenta nell’apposito thread

Un lungo cammino

Sono Michela, Miky per gli amici, romana 47enne.
Sposata con Massimo 51.
La nostra storia sarà probabilmente simile a quella di altre coppie…..fatto sta che dopo tanto tempo (anni!!) di titubanti fantasie e approcci alla fine ci siamo lasciati andare.
Non sono tutte rose e fiori, come si sa….
Ma il nostro rapporto, che pure è molto cambiato, non ne è uscito travolto.
Siamo sposati da 18 anni…….è stato un lungo percorso! Lui si è sempre eccitato tantissimo quando gli altri mi guardavano, ma inizialmente attribuiva la cosa a orgoglio maschile.
Si eccitava per gli sguardi altrui…. si compiaceva…..e ne traevamo giovamento nella nostra intimità. Poi è capitato che fossi corteggiata mentre lui non c’era. Se lui arrivava e se ne accorgeva oppure se dopo glielo raccontavo io l’effetto sulla sua eccitazione era amplificato.

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread

Shark e … l’anno nuovo …

Ricorre in questi giorni il compleanno di Cuckoldreams, sono passati tanti anni, in cui la mia vita da cuckold ha trovato la sua apoteosi. Ho conosciuto tante persone valide, così come tante e valide sono ancora qui. Desidero fare i miei auguri per il compleanno di questo posto a modo mio, raccontandovi di questo meraviglioso inizio d’anno …..

Che io e mia moglie siamo amanti delle SPA non è una novità. Quest’anno però in una manciata di giorni, mi sta regalando emozioni molto intense…. Come da tradizione il primo dell’anno, andiamo in sauna, all’estero in un posto oltre confine. Giusto per intendersi una sauna normale, nulla di libertino, ampia zona acquatica con famigliole che fanno giocare i bimbi ed una generosissima zona wellness con un sacco di saune e bagni turchi. Avevo chiesto a mia moglie di essere maliziosamente esibizionista. Come al solito non ama che sia io a chiedere, quindi capisco che è meglio non insistere… Arriviamo, lo spogliatoio è promiscuo uomini e donne, ci soano solo noi ed un gruppo di ragazzi (italiani anche loro) che si cambiano. Lei è bellissima, abito nero, tacco 12, sotto solo reggicalze e calze grigie senza intimo. Inizia a spogliarsi lentamente, …

Leggi tutto il post nel forum e commenta nell’apposito thread:

 

Un cuckold abortito? una storia

Verohotwife, ha raccontato un’esperienza che scopre un lato del cuckoldismo che molti preferiamo non ricordare,eppure esiste ed è presente.

Verohotwife:
Mi presento, potete chiamarmi Massimo, è il mio secondo nome. Lei, mia moglie si chiama “Cocca”. C’è chi la chiama davvero così.

Sono accadute due storie distinte a brevissima distanza di tempo tra marzo e maggio del 2014. Due storie che mi hanno portato praticamente sulla soglia dell’essere un vero cuckold ma che, allo stesso tempo, hanno segnato bruscamente l’interruzione di ogni evoluzione sessuale fino ad oggi. Intanto ecco la prima.

Nel 2013 conoscemmo alcune persone avendo un amico in comune, tra queste vi era un tipo che mise subito gli occhi addosso a Cocca ma, perlomeno all’inizio, la cosa non fu così palese, poi non essendoci state molte occasioni di incontro la cosa passò del tutto in sordina. Tempo dopo scoprì che il tipo aveva chiesto l’amicizia a mia moglie su Facebook, noi da sempre abbiamo un account in comune ma di fatto è lei che lo segue e lo aggiorna. Insomma tra una cosa e l’altra i due iniziarono a chattare del pi๠e del meno ma passato del tempo lei, che ha l’abitudine a riferirmi sempre tutto, mi fece capire come il tipo ogni tanto lanciava battutine e sempre pi๠gradualmente rivelava un certo interesse tramite un corteggiamento soft.

Soft per almeno due motivi: primo, aveva conosciuto anche il sottoscritto, secondo sapeva che Cocca, avendoglielo detto apertamente da subito, non mi nascondeva nulla…
Un giorno lei organizzò anche un incontro tra questo tipo con la sua migliore amica con lei presente per vedere se poteva nascere qualcosa tra loro ma secondo me lui per non farsi mancare l’occasione andò sempre tenendo come obiettivo principale mia moglie. Infatti l’incontro apparte le cordialità di circostanza non ebbe alcun seguito tra la sua amica ed il tipo. A proposito il tipo -diamogli un nome -si chiamava Alessandro.

Nel frattempo la nostra intesa sessuale di coppia andava a gonfie vele, sesso pieno di passione, qualche giochino erotico con dildo, qualche foto e video al peperoncino fatti in casa. Insomma per me mia moglie era (e potenzialmente sarebbe tutt’ora) una vera leonessa a letto.

Tempo addietro avevamo fatto qualche giochino nel quale inventavamo delle storie mentre ci toccavamo nelle quali coinvolgevamo colla fantasia altre persone, conoscenti, amici… da quello che lei stessa mi diceva preferiva immaginare me che facevo cose con sue amiche o situazioni nelle quali era lei ad abbandonarsi ad amori saffici. Dichiarava di non avere alcuna voglia di immaginarsi alle prese con altri uomini ma io le avevo confessato (in un momento di grandissima eccitazione) che invece questa era stata una mia fantasia ricorrente, questa cosa l’aveva forse un po’ colta di sorpresa e poi non era pi๠stata tirata fuori nel nostro rapporto nè a livello generale nè a letto…
…al di fuori della nostra vita sessuale di coppia io comunque avevo pur sempre continuato ad alimentare incessantemente le mie fantasie cuckold, quando ad esempio vedevo dei filmati (i miei preferiti gli amatoriali) proiettavo sempre nella sala buia della mia immaginazione una situazione nella quale la protagonista fosse Cocca fino al punto di ricercare quei video in cui le donne fossero il pi๠possibili simili a lei per aiutarmi nel gioco.
Tutto questo però senza condividerlo con lei in quanto sino a quel momento avevo ritenuto praticamente impossibile avvicinarmi anche lontamente alla realizzazione di situazioni simili nella realtà . Solo una volta come ho detto, in un momento particolarmente hot nel letto le avevo rivelato questa cosa. D’altro canto di fronte alla sua condivisione di quelle chat con Alessandro avevo mantenuto un atteggiamento piuttosto distaccato, quasi di scherno e indifferenza perché, pensando di conoscerla a fondo e non essendo lui quel che si definirebbe un Adone, qualcuno che poteva mettermi in soggezione virilmente, non avevo particolari timori e non mostrai pertanto la benché minima forma di gelosia…
Ora però dall’unione tra le mie fantasie segrete ed il suo atteggiamento civettuolo e frizzante, esuberante tra le lenzuola, si stava generando una sorta di mostro, per cui ad un certo punto mi ricordo che iniziai a stuzzicarla io su quello che doveva rispondere in chat ad Alessandro e la spinsi apertamente in modo che provocasse lui ad uscire pi๠allo scoperto di quanto non avesse fatto sino a quel momento…

Sta di fatto che per la metà di marzo del 2014 la situazione a casa era diventata esplosiva…un giorno lei decise totalmente di testa sua di mandare al tipo delle sue foto che avevamo fatto in passato…un bel set fotografico da me personalmente realizzato a Cocca, dopo averle regalato un succintissmo baby doll ed un paio di sandali neri della Pleaser, per capirci quelli con tacco e plateau da cubista! Nella foto da lei scelta indossava per l’appunto il mini completino sexy e le sue grazie erano ben in mostra!
Penso di non sbagliarmi se dico che fino a quel momento lei era ancora totalmente presa solamente da una sorta di gioco piccante nel quale il gusto del gioco stesso era provocare e sentirsi ammirata e desiderata. Sono sicuro che non avesse ancora minimamente l’idea di un fine concreto e dico questo perché nonostante le chat piccanti e disinibite nemmeno lui, Alessandro si era mai proposto di presentarsi a casa o di prendere iniziative concrete di qualche tipo…il suo si limitava ad essere un corteggiamento verbale nel quale era sembre ben evidente la consapevolezza che a me veniva raccontato tutto per filo e per segno e non si poteva arrischiare a escludermi dal gioco anzi…a lei diceva che io ero un tipo molto fortunato (certo per lusingare lei) e che in qualche modo mi stimava e gli stavo simpatico alla pari di lei. Cioè eravamo arrivati ad un punto in cui si era formato, o perlomeno abozzato…un trio virtuale.

Eravamo praticamente arrivati ad un punto di non ritorno, lei sembrava invasata, si proprio la mia mogliettina che al di fuori del circoscritto ambito delle lenzuola diceva che la sola immagine di un membro virile le dava fastidio ora mi chiedeva di vederci qualche filmino insieme…io ero elettrizzato al massimo. Dall’indifferenza verso le chat ero passato a voler avidamente conoscere ogni minima virgola che veniva scambiata e mentre non si poteva parlare di gelosia sicuramente ero stato preso da una mania di controllo per cui seguivo ansiosamente l’evoluzione della storia minuto per minuto.

Una notte, lasciati i bambini dai nonni, cosa che facevamo ogni tanto ma non spessissimo per poterci riappropriare della nostra intimità di coppia, ci abbandonammo al sesso sfrenato, lei aveva chattato con Alessandro e aveva condotto anche la sua eccitazione al massimo con qualche altra fotina del suo didietro. Mi ricordo ancora di come inizialmente tentai di oppormi dicendole che se continuava così ad alzare il tiro lui poi si sarebbe sentito autorizzato a fare altrettanto…non sembrò crearle alcun problema, voleva esattamente suscitare quegli effetti che ormai comprendeva fossero in suo potere smuovere…

[continua la lettura]

[Commenta o leggi i commenti a questo post]